venerdì 30 settembre 2016

Pura poesia...


L’arcobaleno

...L'arcobaleno è il mio messaggio d'amore
può darsi un giorno ti riesca a toccare
con i colori si può cancellare
il più avvilente e desolante squallore

Son diventato se il tramonto di sera
e parlo come le foglie d'aprile
e vivrò dentro ad ogni voce sincera
e con gli uccelli vivo il canto sottile
e il mio discorso più bello e più denso
esprime con il silenzio il suo senso.. 


                                    (Mogol-Gianni Bella)

giovedì 29 settembre 2016

Bruno e..Roma!


“Guardò l’insegna della fermata Flaminio all’imbocco delle scale e poi scese i gradini che conducevano alla metropolitana.” Massimo Polidoro, “Non guardare nell’abisso”.

C’è anche Roma nel thriller di Massimo Polidoro, una città apparentemente tranquilla, con i suoi ritmi un po’ rallentati, tipici della “romanità” vera e propria che fa, però, da contraltare ad un evento a cui Bruno… Beh, mica pretenderete che vi racconti quel che succede, vero? Vi basta correre in libreria o, dopo aver letto questo post, ordinarlo comodamente da qui:
https://www.amazon.it/gp/product/8856653877/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=8856653877&linkCode=as2&tag=massipolid-21

Ma Roma è anche via Veneto, ed i ricordi di una Dolce Vita, forse “bruciata” e scomparsa troppo in fretta riaffiorano camminando proprio attraverso quelle vie, dove il tempo, ahimè non sembra essersi fermato e dove un dolce ricordo ha ormai lasciato il passo ad una triste e solitaria malinconia…

E qui, torna, come spesso accade su questo blog, il “gioco” del “Se fosse”.. Se Roma fosse un dolce, o meglio un fine pasto, sarebbe sicuramente un Sorbetto allo Champagne, con l’augurio più grande, alla mia Città, che possa tornare ad essere la Capitale di qualche tempo fa, dove al posto di “chiacchiere”, false promesse e tante problematiche, l’unico suono udibile era quello dei cuori di tanti Romani fieri della loro Città.

Sorbetto allo Champagne

Ingredienti:

5 dl di Champagne;
150 grammi di zucchero;
1 limone di cui useremo solo il succo;
1 albume;
50 grammi di zucchero a velo.

Preparazione:

Nella parte bassa del frigorifero, mettete una ciotola, 4 coppette e in una bottiglia, 3dl di Champagne. In una casseruola preparate lo sciroppo: mettete a sciogliere, molto lentamente, a fuoco basso e mescolando in continuazione 3 dl di acqua e lo zucchero. Appena lo zucchero si sarà sciolto, togliete la casseruola dal fuoco e lasciate raffreddare. Unitevi, poi, 2 dl di Champagne ed il succo di limone, mescolate gli ingredienti in modo da amalgamarli e versate poi il composto attraverso un colino a maglie fitte, in un recipiente di alluminio che metterete in congelatore per circa 3 ore, avendo cura, però di mescolarlo ogni mezz’ora. Mescolate in una terrina di acciaio l’albume con lo zucchero a velo, scaldate questo composto a bagnomaria per pochi minuti, fatta questa operazione, togliete dal fuoco (ma lasciando sempre la terrina nell’acqua) e con l’aiuto di una frusta sbattete il composto fino ad ottenere una crema soda, ottenuta la crema, togliete la terrina dall’acqua e continuate a montare il composto fino a quando sarà freddo. Quando il vostro sorbetto, che avete tenuto in congelatore, sarà pronto (saranno quindi passate le tre ore) versatelo con l’aiuto di un cucchiaio nella ciotola che avete tenuto in frigo ed incorporatevi l’albume montato precedentemente, riempite le coppette, versatevi sopra lo Champagne che avevate conservato in frigo e portate in tavola.

Bibliografia: :“L’Enciclopedia della cucina Italiana, Frutta e Dolci al cucchiaio”, volume 12. La Biblioteca di Repubblica. Istituto Geografico De Agostini S.p.A., Novara 2006.

mercoledì 28 settembre 2016

Sapori di una Roma che non c'è più...


28 Settembre 1924 nasce a Fontana Liri, Marcello Mastroianni, il mio Attore (notare la “A” maiuscola!) preferito!!!!

“Ercole, adesso cosa facciamo?” 
“Non piangere su, aspettami lì al bar..Qualche Santo ci aiuterà”

Foto: Chilelli Letizia, battuta citata e piccolo fotogramma dal film “Domenica D’Agosto”(1949) con la regia di Luciano Emmer, “preso” da una mia vecchia videocassetta.

martedì 27 settembre 2016

Letture autunnali


"Il mistero che sostiene la bellezza di una donna non giunge alla portata dell’espressione finché non si lega intimamente ai misteri più profondi della nostra anima. Allora, e allora soltanto, varca i confini di quell’angusta regione su cui si posa, in questo mondo, la luce della penna e del pennello. Pensate a lei come alla prima donna che ha affrettato il battito del vostro cuore, riuscendo dove le altre del suo stesso sesso avevano fallito. Lasciate che i suoi dolci, candidi occhi blu incontrino i vostri come hanno incontrato i miei, con quell’unico, impareggiabile sguardo che entrambi ricordiamo ancora così bene. Lasciate che la sua voce suoni alle vostre orecchie con la stessa, dolce intonazione con cui suonò alle mie, come la musica che più avete amato. Lasciate che i suoi passi, mentre ella va e viene attraverso queste pagine, siano come quei passi al cui ritmo leggero un tempo il vostro cuore batteva".
La donna in bianco, Wilkie Collins, Fazi Editore.

lunedì 26 settembre 2016

Riprendiamoci la colazione!!!


Alzarsi, al mattino, spesso è abbastanza “faticoso”, ma come ormai da qualche anno tutti sappiamo, la colazione, da fare rigorosamente tutte le mattine, è il pasto e il momento più importante della giornata. Siamo tutti di fretta, lo so, ma questa piacevole abitudine, secondo la sottoscritta, necessita di una attenzione particolare, dopotutto, non è proprio la colazione ad “accoglierci” pochi minuti dopo che ci alziamo dal letto e pochi minuti prima di affrontare la giornata?!!
Vediamo, quindi, questi piccoli consigli che ci aiuteranno ad “organizzare” la colazione in modo sereno e senza stress, regalandoci una breve ma significativa carica di buon umore e serenità che ci accompagnerà per tutta le giornata:

- Apparecchiate sempre la tavola (anche se siete soli!): io ad esempio, lo faccio la sera prima, dopo aver sparecchiato e rassettato la cucina, dopocena, “preparo” la tavola per la mattina seguente; questo consiglio potrebbe sembrare sciocco, ma vi assicuro che vi farà risparmiare un pochino di tempo, ma soprattutto vi “regalerà” una coccola appena entrerete in cucina;

- Utilizzate tovaglie o servizi all’americana colorati; questo, naturalmente serve a “colorare” la nostra giornata!

- Se non avete tempo di preparare il caffè o il tè, acquistate una caraffa termica, ce ne sono di tutti i colori, prezzi e anche, ultimamente, di svariate forme, preparate la vostra bevanda preferita la sera prima, versatela nella caraffa e mettetela sulla tavola, vicino alla vostra tazza “preferita”, anche questo vi farà risparmiare tempo, ma soprattutto berrete un caffè od un tè con la giusta temperatura senza dover aspettare!

- Gli accessori per la colazione devono (e sottolineo devono!) essere colorati o comunque, contenere delle note di colore e perché no, anche di simpatia: carinissime sono le tazze con i personaggi preferiti dei film, dei fumetti, o quelle con frasi o aforismi famosi..via libera quindi anche a biscottiere, zuccheriere, mug anche di diversi colori e materiali, insomma la colazione più “caotica” e ricca è meglio è!

- Se potete, aprite sempre la finestra, anche se per qualche minuto, la luce e l’aria frizzantina del mattino vi consentiranno di abbracciare il nuovo giorno con allegria, anche se piove!

- Prendete la buona abitudine di accendere una candela profumata, magari della vostra fragranza preferita, il profumo vi accompagnerà per tutta la giornata, fino al vostro rientro a casa, ed è proprio nel ricordo della “fragranza” che vi troverete a “vagare” se la giornata prende una “brutta piega”, questo vi aiuterà a rilassarvi un pochino..

- Coccolatevi il più possibile con della buona musica, quella che più vi piace, anche questo servirà a “caricarvi” di energie positive! (Mi raccomando, però, se vi alzate molto presto, fate attenzione al volume, per non recare disturbo ai vicini!);

- Concedete più tempo a questo “dolce rito” ogni volta che potete, quando non lavorate o la Domenica mattina, quando, perché no, “ci sta” anche la colazione a letto!!

Insomma, basta davvero poco per “riprendersi la colazione”, per passare dolci momenti soli o in compagnia e cominciare bene la giornata!!