mercoledì 28 ottobre 2015

Un pò di storia! Il Settecento


Il Settecento fu un’ epoca di grandi cambiamenti che si ebbero anche nella vita di tutti i giorni, ad esempio le case si fecero più luminose, grazie alla costruzione di più finestre, gli abiti divennero leggeri e più aderenti, anche in cucina ci fu in un certo senso un “alleggerimento” sia nelle preparazioni che nel servizio, si abbandonò inoltre l’uso delle spezie per dare spazio ai profumi delle erbe dell’orto. Il caffè, il cioccolato e il tabacco divennero di uso comune e nacquero i primi Caffè Francesi, luoghi di incontro e di cultura. I cibi erano serviti nel vasellame di porcellana, l’attenzione alla cibo era maggiore, come maggiore era la cura nel servirli; il vino era sempre allungato con acqua e servito in bicchieri di vetro trasparente, veniva, però, servito “al momento”, il bicchiere da vino, infatti, non era presente sul tavolo imbandito, ma veniva conservato nelle credenze; il servizio era più o meno questo: il coppiere, quando necessario, portava il bicchiere, serviva il vino, il commensale beveva ed il bicchiere veniva di nuovo portato in cucina e lavato immediatamente fino al prossimo utilizzo. Si ebbe, inoltre, la nascita dei primi “cestelli per il ghiaccio” da tavola: grandi secchielli con neve e acqua direttamente apparecchiati, in cui venivano adagiate le bottiglie. Un altro grande cambiamento fu la separazione dei vari gusti: l’amaro, il dolce, l’acido e il salato che evolvendosi portarono a quello che oggi chiamiamo “gusto moderno”. Non va dimenticata, inoltre, la nascita della grande cucina Francese arrivata fino ai giorni nostri.

(Bibliografia: Manuale del Sommelier A.I.S. Edizione Italiana Sommelier, 2001)

Nessun commento:

Posta un commento